Il falò acceso dagli occitani

L’associazione culturale Lou Soulestrei (il falò) è nata nel 2014 dalla unione di due tra le più antiche associazioni occitane – Soulestrelh e Ousitanio Vivo. Si è trattato di un momento storico per la minoranza linguistica occitana in Italia: dopo le tante, croniche divisioni che hanno caratterizzato la sua storia a partire dalla rinascita negli anni ’60 è finalmente giunto un segnale in controtendenza.

L’associazione Lou Soulestrei è diventata dunque l’editrice del mensile Ousitanio Vivo (che viene pubblicato dal 1974) e della rivista Lou Temp Nouvel (1978), oltre che centro promotore di iniziative editoriali e culturali.

A fare da padrini all’evento i presidenti delle due associazioni, rispettivamente l’avvocato Gianpiero Boschero e il sindaco di Frassino Dino Matteodo, nonché Giorgino Cesano, presidente di Espaci Occitan (Dronero), e l’architetto Renato Maurino, unico superstite del convegno di Crissolo del 1961 dal quale prese avvio la rinascita delle valli italiane di lingua d’oc.

Molte persone, pur non facendo parte delle due vecchie associazioni, hanno colto in questa iniziativa un segnale di riaggregazione e di unità, e dunque uno stimolo a partecipare in prima persona al nuovo sodalizio. Ne fa fede la composizione del Consiglio Direttivo de Lou Soulestrei, che accanto al presidente Boschero vede Rosella Pellerino (Borgo San Dalmazzo), Almerino De Angelis (Saluzzo), Diego Anghilante (Sampeyre), Renato Lombardo (Pradleves), Marco Marcuccio (Bagni di Vinadio) e Mattia Bianco (Martiniana).

L’ intento de Lou Soulestrei è anche quello di diventare un punto di riferimento per le tante associazioni locali e i singoli ricercatori che lavorano in modo disinteressato e onesto per la salvaguardia del grande patrimonio di lingua e di cultura del territorio occitano.

Chi siamo

Gianpiero Boschero – Gianpiero Boschero – (Jan Peire dё Bousquìer) è nato a Saluzzo nel 1950 da genitori di San Maurizio di Frassino, dove è tornato a vivere. È stato l’ultimo Pretore di Venasca e ha svolto la professione di avvocato. Nel 1968 ha aderito all’Escolo dóu Po ed ha partecipato alla formazione della grafia concordata. È stato tra i fondatori dell’associazione Soulestrelh (1971), del giornale Lou Soulestrelh (1971-76) e della rivista Novel Temp (1975), ora Lou Temp Nouvel, di cui è redattore. Si è occupato di tutela delle minoranze linguistiche (L. 482/1999), di traduzioni in occitano di libri per l’infanzia, di corsi di aggiornamento per insegnanti e di insegnamento nelle scuole. Ha raccolto le danze tradizionali della Val Varaita, le ha pubblicate e ne ha promosso la rinascita. Ha recuperato la tecnica dei merletti a fuselli delle Valli Occitane.

Diego Anghilante – Ha 53 anni e vive tra la sua Sampeyre, in valle Varaita, e Cuneo, dove insegna filosofia e storia al Liceo Linguistico. Ha pubblicato numerosi libri e film- documentari dedicati alla cultura e alle problematiche della montagna occitana. Tra i suoi lavori più importanti, la curatela del libro di Antonio Bodrero (Barbo Toni Boudrìe), Opera poetica occitana (Bompiani, Milano 2011). Giornalista pubblicista, dal 1997 è direttore del mensile Ousitanio Vivo.

Mattia Bianco – 27 anni, cresciuto in bassa valle Po, laureato in storia con una tesi sullo spopolamento in tre valli occitane. Per sei anni è stato corrispondente della Gazzetta di Saluzzo, dal 2011 collabora con il mensile Ousitanio Vivo per il quale cura principalmente interviste a personaggi legati alle valli occitane.

Almerino De Angelis

Renato Lombardo – residente a Caraglio, medico condotto e poi medico di famiglia in Valle Grana per 32 anni. Attualmente responsabile Sanitario della C.R.I. di Caraglio. Dal 1975 si diletta di ricerche in ambito antropologico-culturale. Ha scritto due libri su tale argomento e ne ha un terzo in corso di pubblicazione. Pubblica occasionalmente articoli sul periodico Lou Temp Nouvel e sul giornale della Valle Grana “Il Caragliese”.

Marco Marcuccio – Cuneese, ragioniere, classe 1945, residente a Cuneo, legato sentimentalmente a Bagni di Vinadio. Fa parte della Redazione di Ousitanio vivo. Cura a partire dal 2003, esattamente dal N° 276 del 25 marzo, la rubrica “ISHI’ BANH DE VINAI”. Ha pubblicato ad oggi oltre 130 articoli su argomenti che lo hanno, di volta in volta, appassionato: personaggi, passeggiate, tradizioni, etimo-lessico, flora, fauna, interviste.

Rosella Pellerino – di Borgo San Dalmazzo, dopo gli studi di Lettere e un Master sulle minoranze linguistiche del Piemonte cura i progetti culturali e linguistici di Espaci Occitan a Dronero. Ha all’attivo alcune pubblicazioni sulla lingua e la cultura nelle valli, collaborazioni con riviste e si diletta a cantare con gli A Fil de Ciel.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...